Considerazioni

17/12/2012

Comparazione tra Ju no kata e Koshiki no kata

Comparazione tra Koshiki no Kata e Ju no kata

Prato 16/12 /2012

L'accostamento del koshiki al nage no kata, inteso come kata delle proiezioni di Kito ryu, mi sembra poco attinente, e non solo come definizione. Le proiezioni nel nage no kata sono legate alla sublimazione del kuzushi, cioè all'intuizione che Kano ebbe nei riguardi delle scuole del Ju Jutsu. Nel koshiki vengono evidenziati due aspetti, secondo me, che non si ritrovano nel nage no kata, se non in alcune tecniche tipoTsuri k. Goshi e Yoko guruma, ma nel randori dove gli aspetti delle reazioni sono indispensabili per il combattimento. Un altro aspetto che non si ritrova nel nage no kata sono gli otoshi,( è presente Uki Otoshi ma è talmente improponibile nel koshiki per via della sua proiezione leggera, dove è presente invece Hiki Otoshi, molto simile ma con delle dinamiche molto diverse), che invece sono costanti nel koshiki per via dell'armatura, yoroi,dove la proiezione la paragonerei a un sinonimo tiposcaraventare o schiacciaree non lanciare. Si sa benissimo che per lanciare occorre che il corpo sia leggero, UKI, presente in quasi tutte le tecniche del nage no kata meno le due evidenziate sopra. Il Koshiki , oKito Ryu no Kata, era basato su un combattimento reale e formale e si basava su dei principi opposti,spingo/tiro – tiro/spingo- comunque sulle reazioni, e da qui l'accostamento al randori e non al nage no kata. Inoltre non ho trovato nessuna tecnica similare che possa essere paragonata tra i due kata. Trovo invece molto accostabile il koshiki alJu no kataper diversi aspetti che proverò a esporre,( tempo addietro il M° Daigo rilevò l'accostamento tra koshiki e Ju, ma prima dobbiamo eseguire alcune tecniche del ju in maniera applicativa per comprendere meglio questo accostamento. Come voi tutti sapete il ju no kata và eseguito in modo lento, come il koshiki, ma energico inteso come kime e non come forza, e le sue tecniche si basano sugli stessi principi presenti nel koshiki , cedevolezza e reazione. Altro aspetto del nage è che non esistono atemi, se non negli attacchi da pugno che sono simbolici e non reali,( chi penserebbe di attaccare in quel modo se non Bud Spencer?) altresì nel ju e nel koshiki gli atemi sono reali o comunque attinenti alla realtà propria dell'atemi,tagliare, percuotere, spingere, infilzare, colpire . Ho trovato alcune tecniche similari che probabilmente Kano ha estrapolato dal koshiki e riportato nel Ju modificandone la reazione ma l'attacco è uguale :

kodaore = tsuki dashi =

tani otoshi = kata oshi =

kuruma daore = kata mawashi

ryu kuhi e mizu guruma = obi tori

Mizu iri = mune oshi =

Gigi Moscato